Passa ai contenuti principali

SCALIA SU FORMAZIONE IN SICILIA


FORMAZIONE PROFESSIONALE IN SICILIA E LA RIVOLUZIONE DI CROCETTA

Ripercorriamo, passo passo, quanto accaduto.

24 dicembre 2012, Crocetta: Formazione: "Lì succedono troppe cose strane. Spesso non si ha nemmeno contezza sul numero certo degli alunni, e i dipendenti si fanno versare i soldi nei loro conti corrente. La Regione dà i soldi alle aziende per pagare i lavoratori, ma poi questi da mesi non ricevono lo stipendio. Sappiano, questi lavoratori, che verranno tutelati dalla Regione. Non faremo macelleria sociale, ma metteremo fine a malaffare e privilegi”.

11 gennaio 2013, Crocetta denuncia chi ha speculato con la formazione. Il presidente Crocetta e l'assessore Scialabra si sono presentati in Procura per segnalare una serie di irregolarità nel mondo della Formazione professionale. L'obiettivo è quello di rendere più facile il lavoro della magistratura che sta facendo le pulci all'intero settore della Formazione. Tanti i fronti investigativi aperti sui piani formativi 2011 e 2012.

23 gennaio 2013 trasferimento di 53 funzionari e 7 dirigenti. "Con questo provvedimento si mette fine ad una gestione consolidata, nel settore formazione che ha coinvolto l'assessorato, in questi anni, in una serie infinita di scandali". Lo dice il presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta, in merito al trasferimento di 60 dipendenti dell'assessorato alla Formazione, investito da scandali e inchieste giudiziarie."Comincia un nuovo percorso - aggiunge il governatore - che dovrà garantire tutti i dipendenti dei vari enti di formazione, ma escluderà dalla formazione gli Enti che non sono in regola con le informative antimafia, che non pagano i dipendenti e che non svolgono correttamente i corsi".



23 marzo 2013, Crocetta inizia la riforma del settore della formazione e viene minacciato.



17 luglio 2013, terremoto formazione, arresti eccellenti a Messina, politici coinvolti. La Guardia di finanza e la Polizia hanno eseguito, su ordine del gip, dieci ordinanze di custodia cautelare ai domiciliari e una misura di sospensione dall'esercizio del pubblico ufficio. Tra gli arrestati le mogli di Francantonio Genovese (PD) e Giuseppe Buzzanca (PDL).



20 settembre 2013, truffa da 8 milioni di euro. Crocetta torna in Procura a Palermo per denunciare ruberie in quattro enti della formazione professionale.



14 ottobre 2013, operazione Pandora. Terremoto nella formazione, 10 arresti a Catania. Gli investigatori oltre ad un sequestro preventivo di 3 milioni e settecentomila euro per una frode complessiva che ammonterebbe a quasi 9 milioni di euro.


Questi sono i fatti. Qualcuno potrà obiettare e dire: "Crocetta deve fare il governatore e non l'investigatore". Io rispondo: se ci fossero stati altri Crocetta prima di Rosario, probabilmente, non ci torveremo in queste condizioni pietose.

Post popolari in questo blog

INTERVISTA A CROCETTA

IL MEGAFONO SICILIANO RIUNITO A TRABIA - PRESA DI POSIZIONE

Trabia 5 agosto 2017

Si è riunita ieri e oggi, alla presenza di circa 150 quadri provenienti da tutto il territorio siciliano, la direzione regionale del megafono che ha approvato il seguente documento:

Il Megafono esprime la propria preoccupazione sul metodo scelto da alcune forze di maggioranza, rispetto alla candidatura del presidente della Regione. E’ prassi consolidata nel centro sinistra, che il presidente uscente venga ricandidato a meno di non trovarsi di fronte a fatti gravi, che rendano inopportuna la candidatura. Crocetta è il primo rappresentante del centro sinistra che dal 1946 in poi, ha vinto le elezioni con mandato popolare;

La Sicilia che abbiamo trovato nel 2012 era sull’orlo del fallimento, con un bilancio in default, con 11 punti di Pil persi in 7 anni e con ben 300mila lavoratori che avevano perso il posto di lavoro; non utilizzava i fondi europei, era tra gli ultimi posti per i livelli essenziali di assistenza sanitaria. Era la Sicilia delle prebende, delle clien…

CROCETTA PRESENTA #RIPARTE SICILIA