Passa ai contenuti principali

CALLERI SU DIMISSIONI SINDACO SCICLI

Dimissioni Sindaco Scicli: Calleri (Megafono) "Mai sostenuto" (AGI) - Ragusa, 23 dic. - "Prendo atto che il Sindaco di Scicli si è dimesso". A parlare è Salvatore Calleri che prende posizione come Responsabile nazionale del "Megafono". Calleri, infatti, più volte era intervenuto sulla vicenda "Scicli" e questa volta lo fa a maggior ragione dopo la sua nomina (avvenuta in Toscana direttamente dal Presidente Crocetta) a Coordinatore Nazionale del Movimento. "Sin da subito ho fatto capire che non aveva il nostro appoggio e soprattutto che era ora che la responsabilità politica, che viene prima di quella giudiziaria, lo portasse alle dimissioni che erano auspicabili a mio modesto parere da tempo. Non a caso nessun esponente che fa parte realmente del megafono a Scicli lo ha mai appoggiato - conclude Salvatore Calleri - perché la linea del movimento è sempre stata chiara a livello nazionale nel non dare lui alcun sostegno". (AGI) Rg2/Rap

http://www.laspia.it/dimissioni-sindaco-susino-salvatore-calleri-nessuno-scicli-dei-nostri-mai-appoggiato/

Post popolari in questo blog

INTERVISTA A CROCETTA

IL MEGAFONO SICILIANO RIUNITO A TRABIA - PRESA DI POSIZIONE

Trabia 5 agosto 2017

Si è riunita ieri e oggi, alla presenza di circa 150 quadri provenienti da tutto il territorio siciliano, la direzione regionale del megafono che ha approvato il seguente documento:

Il Megafono esprime la propria preoccupazione sul metodo scelto da alcune forze di maggioranza, rispetto alla candidatura del presidente della Regione. E’ prassi consolidata nel centro sinistra, che il presidente uscente venga ricandidato a meno di non trovarsi di fronte a fatti gravi, che rendano inopportuna la candidatura. Crocetta è il primo rappresentante del centro sinistra che dal 1946 in poi, ha vinto le elezioni con mandato popolare;

La Sicilia che abbiamo trovato nel 2012 era sull’orlo del fallimento, con un bilancio in default, con 11 punti di Pil persi in 7 anni e con ben 300mila lavoratori che avevano perso il posto di lavoro; non utilizzava i fondi europei, era tra gli ultimi posti per i livelli essenziali di assistenza sanitaria. Era la Sicilia delle prebende, delle clien…

CROCETTA PRESENTA #RIPARTE SICILIA