Passa ai contenuti principali

CROCETTA: BASTA CON GLI ATTACCHI ALLA SICILIA


Sicilia. Crocetta:”La verità sui 500 milioni di euro, basta con gli attacchi
alla Sicilia”

Palermo, 28 lug. “Mi dispiace sinceramente che il governatore Zaia abbia fatto
queste dichiarazioni a proposito dei 500 milioni di euro da destinare alla
Sicilia per la copertura del Bilancio”. Lo dice in una nota il presidente della
Regione siciliana, Rosario Crocetta. “Probabilmente il fatto che da parte di
qualcuno venga rappresentato quasi come un regalo del governo, può avere
indotto in errore il governatore. Quei soldi ci spettano per una sentenza della
Corte Costituzionale, sono soldi dei siciliani che ritornano giustamente ai
siciliani.
Il mio governo – continua il presidente -  non rivendica nè elemosine nè
logiche parassitarie. In due anni e mezzo abbiamo tagliato 3 miliardi di
sprechi, facendo prendere alla Regione un passo diverso rispetto al passato.
Anche sulla sanità Zaia è disinformato, nel 2013, 2014 e 2015 la sanità
siciliana è finalmente entrata, dopo qualche decennio, all'interno degli
standard nazionali e come livello di performance è adesso all'8° posto e non al
penultimo come prima.
Abbiamo tagliato gli sprechi dei farmaci, revocato gare-truffa per centinaia
di milioni di euro e potenziato i servizi. E se vogliamo dirla tutta fino in
fondo, il governatore Zaia deve sapere che la Sicilia continua a pagare la più
alta quota di compartecipazione sanitaria d'Italia, il 49%, mentre le altre
regioni pagano il 41%. Il 49% era stato determinato quando la sanità era in
perdita, ora che è in  utile, perchè persiste questa percentuale? E' ora di
dire basta ad attacchi precostituiti – conclude Crocetta - che non tengono
conto dei progressi raggiunti e della pesante situazione che abbiamo ereditato”.

Post popolari in questo blog

INTERVISTA A CROCETTA

IL MEGAFONO SICILIANO RIUNITO A TRABIA - PRESA DI POSIZIONE

Trabia 5 agosto 2017

Si è riunita ieri e oggi, alla presenza di circa 150 quadri provenienti da tutto il territorio siciliano, la direzione regionale del megafono che ha approvato il seguente documento:

Il Megafono esprime la propria preoccupazione sul metodo scelto da alcune forze di maggioranza, rispetto alla candidatura del presidente della Regione. E’ prassi consolidata nel centro sinistra, che il presidente uscente venga ricandidato a meno di non trovarsi di fronte a fatti gravi, che rendano inopportuna la candidatura. Crocetta è il primo rappresentante del centro sinistra che dal 1946 in poi, ha vinto le elezioni con mandato popolare;

La Sicilia che abbiamo trovato nel 2012 era sull’orlo del fallimento, con un bilancio in default, con 11 punti di Pil persi in 7 anni e con ben 300mila lavoratori che avevano perso il posto di lavoro; non utilizzava i fondi europei, era tra gli ultimi posti per i livelli essenziali di assistenza sanitaria. Era la Sicilia delle prebende, delle clien…

CROCETTA PRESENTA #RIPARTE SICILIA